Racconti dei volontari

15/09/2021

UN POSTO CHE FA BENE AL CUORE

UN CARICO DI EMOZIONI GIÀ DAL PRIMO MESE
Ciao, mi Chiamo Bart e sono davvero orgoglioso di essere un volontario al servizio della Family Room all’interno dell’ospedale Niguarda di Milano.
Da qualche mese mi sono aggiunto alla famiglia dei volontari e, nonostante il tempo relativamente breve, il carico di emozioni vissute è già enorme. Il mio impegno per Fondazione Ronald McDonald è praticamente una costante: da ormai 7 anni lavoro da McDonald’s in Via Dante, a Milano, ma con l’apertura della Family Room nell’ospedale Niguarda, ho avuto l’opportunità di entrare ancora di più nel vivo delle attività che svolge.

UN LUOGO SPECIALE
La Family Room è un ambiente dinamico e, come spesso amo definirlo, un posto che fa bene al cuore. Prima di iniziare il turno, mi capita sempre di pensare a quante persone si trovano lì per un motivo sicuramente non bello e, nonostante questo, esiste un posto speciale come la Family Room, che dona una vera e propria carezza alle famiglie dei piccoli ricoverati in terapia intensiva neonatale o nel pronto soccorso pediatrico. Quindi a mio avviso è un posto che migliora l’umore, fa riflettere sui propri limiti e ti aiuta a superarli: fa davvero molto bene al cuore!

LA FORZA DEI PICCOLI GESTI
Esserci per me è fondamentale: essere presente e utile per queste famiglie, per i genitori che stanno vivendo dei momenti difficili da affrontare non ha prezzo. Li accogliamo calorosamente e, con estremo rispetto, cerchiamo di strappare loro un sorriso. A volte bastano dei piccoli gesti che, seppur all’apparenza semplici, per loro sono molto positivi: permettono anche solo per poco tempo di staccare la mente da tutto ciò che accade.
Questo è ciò che mi dà la forza di esserci, mi riempie il cuore e mi fa stare bene, perché in fondo quello che può essere un piccolo impegno per noi, diventa qualcosa di molto importante per chi ospitiamo.

Ovviamente, sono consapevole che non sempre può andare tutto per il verso giusto purtroppo, ma non perdo mai la motivazione, perché mettersi al servizio di chi ha davvero bisogno è ciò che mi appaga più di ogni altra cosa.
Comunque vada, è stupendo poterlo fare e per questo ringrazio tutti coloro che mi hanno permesso di entrare nella famiglia dei volontari.

Un caro saluto Bart.

Condividi la storia

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per ricevere newsletter*

Controlla i campi obbligatori

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Articoli correlati

Il volontariato in Casa Ronald McDonald Brescia è di famiglia

Racconti dei volontari

Il volontariato in Casa Ronald McDonald Brescia è di famiglia

Storia di Simona e Giulia, mamma e figlia sostenitrici di Casa Ronald McDonald Brescia.

Leggi la storia
coniugare queste due professioni per un’unica causa: fare del bene

Racconti dei volontari

Una meravigliosa scoperta

Oltre al lavoro da McDonald's sono anche un’insegnante di yoga, volevo coniugare queste due professioni per un’unica causa: fare del bene.

Leggi la storia
Volontari di nuovo insieme

Racconti dei volontari

Sentirsi a casa, anche a distanza

Nonostante la lontananza imposta dal lockdown, i nostri volontari non hanno mai smesso di sentirsi vicini e parte delle nostre Case Ronald.

Leggi la storia
Storia di Bruna, volontaria di Casa Ronald Roma Bellosguardo

Racconti dei volontari

Bruna, la nostra volontaria

Storia di Bruna, volontaria di Casa Ronald Roma Bellosguardo.

Leggi la storia
Le due ore più belle della settimana

Racconti dei volontari

Le due ore più belle della settimana

Storia di Piera, volontaria di Casa Ronald Firenze

Leggi la storia
Il mio appuntamento fisso

Racconti dei volontari

Il mio appuntamento fisso

Storia di Silvia, volontaria di Casa Ronald Brescia

Leggi la storia
Stare insieme aiuta

Racconti dei volontari

Stare insieme aiuta

Storia di Marilina, volontaria di Casa Ronald

Leggi la storia
La fortuna di insegnare

Racconti dei volontari

La fortuna di insegnare

Storia di Chiara, maestra di Casa Ronald

Leggi la storia
Arte di regalare un sorriso

Racconto dei volontari

L' arte di regalare un sorriso

Storia di Davide, Operatore del Sorriso di CRI Firenze

Leggi la storia
Vicino di casa, volontario per caso

Racconti dei volontari

Vicino di casa, volontario per caso

Gli antichi immaginavano il ‘caso’ come una dea tessitrice di fili. E un filo è quello che Federico ha trovato, per riannodarlo tutto fino a che...

Leggi la storia
Cintura nera di generosità

Racconti dei volontari

Cintura nera di generosità

Anche un duro come Alfredo, istruttore di karate, si intenerisce per un incontro così inatteso.

Leggi la storia
L’arte mette le differenze da parte.

Racconti dei volontari

L’arte mette le differenze da parte

Che succede a mescolare la vivacità della vita in Casa Ronald con creta, cartapesta e colori? Scopriamolo insieme a Sandro.

Leggi la storia
Volontario improvviso

Racconti dei volontari

Volontario all'improvviso

Il primo impatto lo ha subito colpito. Antonio non era preparato ma in pochi minuti ha capito e deciso.

Leggi la storia
Varcando quella soglia

Racconti dei volontari

Varcando quella soglia

Andava semplicemente a trovare un’amica, ma aprendo quella porta Elena ha trovato l’opposto di quanto si aspettava.

Leggi la storia
Mi ritorni in mente, 10 anni dopo

Racconti dei volontari

Mi ritorni in mente, 10 anni dopo

Vi capita a volte di ritrovare un pensiero sepolto nel cassetto della memoria 10 anni prima? È successo a Ivana. Ascoltiamola...

Leggi la storia
Pasquale e le casette della rinascita

Racconti dei volontari

Pasquale e le casette della rinascita

Come ogni piccola grande intuizione, quella di Pasquale avviene in un lampo, ma imprime una svolta...

Leggi la storia

Cosa puoi fare tu